Blog

Cattedrale di Otranto

A spasso per Otranto: vi diciamo cosa vedere

Otranto è la cittadina più orientale d’Italia, ma anche un sito culturale, artistico e paesaggistico degno di nota. Cosa visitare in questa splendida cittadina? Il centro storico, per iniziare, un piccolo gioiello incastonato dalle mura difensive che ancora oggi stringono in un abbraccio il borgo più antico della città.

Otranto, capolavoro del Salento

Il centro storico di Otranto, senza dubbio, è uno dei luoghi più suggestivi di questa città. Entrando da “Porta Terra” ci si getta a capofitto in un dedalo affascinante di stradine, negozi e piccole botteghe.

La piazza cinquecentesca a forma triangolare accoglie i visitatori e li conduce poi a “Porta Alfonsina”, risalente alla fine del 1400. Seguendo la scala di legno che va verso il porto si raggiunge “Porta a Mare”.

Nel centro storico avrete l’opportunità di visitare gli edifici più antichi di Otranto, fra i quali spicca la Basilica di San Pietro, massimo esempio d’arte bizantina: edificata nel corso del X secolo, presenta una pianta a croce greca, ed un ciclo di affreschi che raffigura scene tratte dal Nuovo Testamento, ancora abbastanza conservato.

I monumenti di Otranto e le delizie gastronomiche

Più avanti potrete visitare la Cattedrale dell’Annunziata, situata sulla sommità della città in una zona panoramica. Costruita nel corso dell’anno 1000, questa chiesa narra un po’ la storia della città, essendo una delle strutture più antiche in assoluto. Lo stile romanico e bizantino si fondono egregiamente in questo edificio, che fra l’altro ospita un mosaico pavimentale sublime e un ossario di martiri cristiani.

Infine non si può non visitare il Castello Aragonese, che guarda verso il mare. Edificata verso la fine del 1400, questa struttura fortificata rappresentava il luogo di rifugio della popolazione in caso di attacchi provenienti dal mare: la posizione strategica della città, infatti, non era solamente un vantaggio per Otranto, ma anche un rischio per la sua esposizione al nemico.

Numerosi sono i locali ed i ristoranti che animano il centro storico, specialmente d’estate, offrendo piatti tipici come i Turcinieddri, la pasta con ceci (ciciri e tria), piatti di pesce e carne ed i dolci chiamati Cartellate, oltre alle “Chiacchere”, regine indiscusse del Carnevale.

Lungo le strade del centro di Otranto potrete trovare anche numerosi negozi d’antiquariato, che vendono prodotti artigianali realizzati a mano dagli artisti del luogo e sono senza dubbio i souvenir più affascinanti che si possano portare con sé da Otranto, insieme al ricordo del suo mare azzurro e dei pittoreschi vicoli del centro storico.